News

Finali di Campionato Strongman Italia: due secondi classificati tra gli atleti della OnlyKettlebell

Lo scorso sabato, 16 Novembre 2019, si sono svolte a Vico Pisano, in provincia di Pisa, le Finali di Campionato Strongman Italia.

 

Sono due gli atleti, della OnlyKettlebell, sezione diretta da Christian Borghello, della Polisportiva del Finale A.S.D., ad aver guadagnato il secondo posto in classifica:

 


. per le donne Alice Dorotea Colella, si è classificata 2^ nella categoria Rookie woman +64 kg avendo ottenuto i seguenti risultati nelle seguenti diverse specialità:


- nella Yoke Walk, (camminata con attrezzo sulle spalle), 160 kg 15mt+15mt, giunge al 3° posto;


- nella Apollon Axle, (bilanciere grosso da sollevare), 55kg for reps,ottiene il 1° posto;


- nella Deadlift, (stacco da terra), 120 kg for reps, guadagna la 2^ posizione;

 

- nella Farmers Carry, (camminata con un peso sollevato per mano), 130kg 15mt+15mt, ottiene di nuovo la 2^ posizione in classifica;

 

 

. mentre per gli uomini, Samuele Venitti, ha ottenuto il 2° posto in classifica nella categoria rookie extra -90kg, con i seguenti risultati:


- nella Yoke Walk, 260kg 15mt+15mt, arriva al 2° posto;


- nella Apollon Axle, 82kg for reps arriva al 6° posto;


- nella Deadlift, 200kg for reps, ottiene il 1° posto;


- e nella Farmers Carry, 200kg 15mt+15mt, si guadagna un altro 1° posto.

 

Alice Dorotea era entrata in campionato a luglio partecipando alla Strongmsn Summer Lake di Arona dove arriva 2a e alla War of Midlands, dove ottiene il primo posto in classificata con accesso diretto alla finale.


Samuele, invece, iniziava a Gennaio nel circuito della Pure Strength League nella gara tra la neve di Tarvisio, evento su invito solo per atleti pro.

Successivamente, a Marzo gareggia nella Maxima Tiredeadlift giungendo all'8° posto. Ad Aprile prosegue a Pontedera Expo motori divenendo secondo. A Luglio allo Strongman Summer Lake ottiene il 6° posto. Seguono a Settembre il War of Midlan, 1° posto, a Ottobre la Maxima Deadlift, 4° posto per giungere a questa finale di Novembre con un bel 2° posto.

Per il Volley Team Finale è marchio di qualità argento

 

E' di pochi giorni fa la notizia che lFederazione Italiana Pallavolo ha deliberato in merito alle Certificazioni di Qualità del Settore Giovanile per il periodo 2020/2021. E' con grandissimo onore che al Volley Team Finale, sezione della Polisportiva del Finale A.S.D., è stato conferito il Marchio di Qualità ARGENTO che attesta il grande svolto dalla società nella crescita dei pallavolisti e nello sviluppo delle attività del Settore Giovanile.

 

 

Il Consiglio Federale assegna la certificazione di qualità alle società sportive che partecipano al bando nazionale e che possiedono requisiti didattici di rilievo e sviluppano progetti importanti di promozione dello sport. La valutazione da parte della Fipav avviene sulla base dei seguenti parametri:

 

 

- attività societaria nel settore giovanile (tesserati, attività di campionato, risultati);

 

 

- qualifica staff tecnico, staff medico e staff dirigenziale;

 

 

- partecipazione, organizzazione eventi e progetti giovanili;

 

 

- collaborazione con gli istituti scolastici;

 

 

- attività di beach volley;

 

 

- partecipazione, organizzazione di progetti etici e sociali;

 

 

- attività di comunicazione e promozione.

 

 

Una valutazione, quindi, che prende in esame le attività svolte nel settore giovanile a 360 gradi e che giudica globalmente il grado di attenzione e il livello qualitativo dell’impegno profuso dalla società, oltre ai risultati raggiunti.

Baseball: vittoria della squadra mista con giocatori della Riviera Finale alla 'Cavigal's Cup' di Nizza.

 

Nel fine settimana a Nizza, nel torneo di Baseball internazionale ‘Cavigal’s Cup’ riservato alla categoria Under 15, ha trionfato, con cinque vittorie su cinque, la Squadra delle “Furie Azzurre”, composta dai giocatori dell’Aquila Finale Amad Hossain e Manuel Pescarolo (che nella scorsa stagione hanno giocato, in “prestito”, nel Sanremo Baseball) con i compagni sanremesi Angelo Arieta, Gioele Tarassi, Alessio Fusini e Donato Catalano, uniti ai pari età degli Avigliana Rebels Michele Alessio, Alessandro Bonavero, Stefano Costa, Daniele Critelli, Alberto Garzone, Riccardo Murgia, Massimiliano Re, Alessio Sanna e Massimiliano Tragni, tutti diretti dai tecnici Paolo Murgia e Luca Costa di Avigliana.

 

La formula del torneo prevedeva la partecipazione di sei squadre: il Cavigal padrone di casa ed altre tre francesi, la Cairese e, appunto, le “Furie Azzurre”, che lo scorso anno si erano aggiudicate il secondo posto.

 

Memorabile l’incontro di finale contro la Cairese, dove le ‘Furie Azzurre’, sono riuscite a prevalere con il risultato di 2-0 e con 1 punto realizzato nel primo inning (una base su ball seguita da una valida) ed uno nel secondo (un fuoricampo).  

 

Negli inning seguenti le difese delle due squadre non hanno più concesso nulla agli attaccanti avversari, rimasti quindi a secco di punti. 

 

Furie tra le furie e vincitori dei premi individuali sono stati Catalano (miglior lanciatore), Fusini (miglior battitore) e Tarassi (giocatore più utile), ma tutti i giocatori si sono ben distinti e sono sempre stati in campo, fedeli al motto che “nel baseball giocano tutti e in panchina siede solo l’allenatore”.

 

La vittoria del torneo è stata ottenuta grazie alla attiva partecipazione ed al valido impegno profuso da tutti i componenti della squadra, esultanti alla consegna del trofeo. 

 

“Un grazie di cuore – sottolineano i dirigenti della Riviera Aquila di Finale Ligure, settore della Polisportiva del Finale A.S.D. - al Sanremo Baseball  e all’Avigliana Rebels per aver creduto nel progetto e alla sua piena condivisione, che è stata alla base del successo ottenuto”.

Volley Team Finale - le partite del primo weekend di novembre

 

Sono 4 le partite giocate in questo primo weekend di novembre dalle squadre del Volley Team Finale, sezione della Polisportiva del Finale A.S.D., che quest'anno ha attivato, su una parte del settore femminile, una collaborazione con la Polisportiva Maremola:

 

- sabato 2 novembre alle 16.00 la 1^ Divisione Femminile PONENTE CARTA FINALE MAREMOLA ha giocato in casa, nel Palasport Alessia Berruti di Finale Ligure contro la VITICOLTORI INGAUNI ALBENGA;

 

- sempre sabato 2 novembre alle 21.00, ancora in casa al PalaAlessia, ha giocato, invece, la Serie D Femminile LEGENDARTE VOLLEY TEAM FINALE contro la CFFS COGOLETO VOLLEY;

 

- domenica 3 novembre è stata poi la volta delle nostre due squadre di Under 18 Femminile: la FINALE MAREMOLA ha giocato in casa sempre al PalaAlessia contro l'ALBISOLA PALLAVOLO IGLINA, mentre la MAREMOLA FINALE ha giocato a Vado Ligure, al PalaZucchi contro il SABAZIA PALLAVOLO.

 

 

 

Ecco come sono andate le gare:

 

 

1^ DIVISIONE F: PONENTE CARTA FINALE - Albenga: 3/2

 

Dopo un avvio di partita molto difficile, sotto due set a zero, al terzo parziale, improvvisamente, la svolta! Trovando il giusto assetto le nostre ragazze, guidate da Tognolo e Bruzzo, vincono il terzo set lasciando le avversarie a 7. Forti di questo punteggio, la squadra si aggiudica prima il quarto set a 19 e poi il decisivo tie breack. Due punti molto importanti per il Ponente Carta Finale, squadra nata sotto il progetto FinalMaremola, che dopo aver incontrato nella prima giornata la super squadra di Andora, trova nella forza del gruppo, il carattere per cambiare l'esito della partita.

 

 

SERIE D FEMMINILE: LEGENDARTE FINALE - Cogoleto: 3/1

 

Le ragazze della prima squadra vincono anche la terza partita di campionato, lasciando, però, alle avversarie un set. "Abbiamo incontrato una squadra improntata sulla difesa - ci racconta coach Bruzzo - però noi abbiamo fatto una media di 10 errori a set. Veramente troppi". Ora bisogna preparare con la giusta concentrazione la prossima partita che ci vedrà scendere in campo a Diano Marina contro una delle squadre che, insieme alla nostra, hanno avuto un'ottima partenza di campionato.

 

 

UNDER 18 F: FINALEMAREMOLA - Albisola: 0/3

 

Al loro esordio in campionato nulla possono le nostre ragazze contro la corazzata albisolese. Nonostante si sapesse in anticipo che non sarebbe stato facile, Marenco e compagne hanno provato con tutte le loro forze a difendere gli attacchi di Botta e Brunasso. "La squadra è ancora in rodaggio - afferma coach Tognolo - e si sono comunque visti scambi prolungati contro una delle favorite al titolo. Ripartiamo da quanto di buono fatto stamattina e lavoreremo molto per affrontare al meglio le prossime gare".

 

 

UNDER 18 F: Sabazia - MAREMOLAFINALE: 0/3

 

L'altra squadra del progetto FinalMaremola porta a casa i tre punti nonostante la formazione pesantemente rimaneggiata per via dell'influenza. Gli allenatori hanno saputo modificare l'assetto e i ruoli delle giocatrici, portando comunque a casa il risultato.

 

 

 

 

 

Keiko d’Autunno, grande successo: un evento nuovo per il mondo dell’Aikido!

 

Sabato 19 e domenica 20 ottobre si è svolta a Finale Ligure una grande manifestazione sportiva e culturale dedicata all’arte marziale dell’Aikido.

 

Si è trattato dello Stage interregionale gratuito di Aikido del Nord-Ovest Italia “Keiko d’Autunno”, a cui hanno aderito ben 28 dojo di Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta e durante il quale si sono avvicendati sul tatami (il tappeto su cui si allenano i praticanti di Aikido), ben 16 diversi Maestri (Responsabili di dojo), che hanno tenuto in totale 32 lezioni, un Overtone (pratica meditativa con la voce) e l’Embukai ovvero una dimostrazione per il pubblico.

 

Aperto a persone di tutte le età, dagli adulti ai bambini più piccoli (dai 3 anni), questo stage organizzato dalla Scuola Aikido di Finale Ligure, Tovo San Giacomo e Villanova d’Albenga, sezione della Polisportiva del Finale A.S.D.,è stato un evento nuovo per il mondo dell’Aikido.

 

Ma quali sono stati gli elementi che l’hanno reso così nuovo?

 

-          Innanzitutto, l’idea di riunire così tanti Maestri, per due giornate di pratica, senza dare troppa importanza ai gradi e alle gerarchie, ma anzi con l’idea di creare qualcosa di bello tutti insieme, suddividendo i praticanti non per capacità ed esperienza, ma in gruppi misti dai Mu Kyu, ovvero coloro che non hanno mai dato esami, ai gradi dan, ovvero le cinture nere per dare importanza a ciò che si fa più che a ciò che si raggiunge, all’esperienza che si vive nel qui e ora piuttosto che al dimostrare la propria capacità tecnica.

 

-          Inoltre, i Maestri che tenevano lezione 4 per volta a 4 diversi gruppi in contemporanea, hanno avuto l’occasione essi stessi di osservare i colleghi, liberi eventualmente di praticare anche come atleti, indipendentemente dal fatto che a fare lezione ci fosse un collega di grado più basso. E proprio questo è stato quanto si è ottenuto: ci ha reso pieni di gioia vedere Maestri, magari più alti in grado dei colleghi che in quel momento tenevano lezione, praticare con piacere una loro lezione per adulti o chiedere di poter fare assistenza in quelle rivolte ai bambini, divertendosi.

 

-          Questo clima serio, ma disteso, elegante, ma divertente nel quale si è svolto il nostro Keiko d’Autunno, infatti, è riuscito sin da subito a creare occasioni di confronto e di scambio a più livelli: tra i Maestri, tra gli allievi, tra gli allievi ed i propri Maestri o quelli di altri dojo e indifferentemente tra tutti i praticanti e gli accompagnatori grandi e piccini. Fondamentale in questo è stato il Terzo Tempo rubato al Rugby e trascorso dai partecipanti al Keiko il sabato sera presso il Villaggio di Giuele & Eurocamping Calvisio: pertradizione del mondo del rugby, infatti, dopo la partita i giocatori delle due squadre, si riuniscono tutti insieme e colgono l'occasione per offrirsi da bere e mangiare, scambiare opinioni e considerazioni come succede tra amici; nel nostro caso, come stabilito dagli organizzatori, gli Aikidoka, piccoli e grandi, i Maestri e tutti gli accompagnatori si sono riuniti per cena ed intrattenimento al Villaggio di Giuele, dove c’è stato il tempo per far nascere nuove amicizie e consolidare quelle vecchie. Con alcuni tra i Maestri più importanti che intrattenevano con barzellette, canti e suonando la chitarra tutti gli altri in un clima quasi esilarante. Nel mentre l’animatrice del Giuele intratteneva con giochi di gruppo e la Just Dance i bambini. La cena è stata ottima è il divertimento assicurato.

 

-          Alla buona riuscita del Keiko d’Autunno hanno contribuito anche alcuni dettagli studiati dall’organizzazione, come la possibilità per i praticanti adulti di lasciare i bambini in custodia a bordo tatami ad una maestra munita di pastelli e disegni da colorare, finchè non fossero terminate le loro lezioni o finchè per i più grandicelli non fosse giunta l’ora di praticare nelle lezioni a loro dedicate; oppure il fatto di aver distribuito gadget, acqua e merende a tutti i presenti, sollevandoli dal doversi spostare dal PalaAlessia dove si è svolto l’evento.

 

-          Un altro elemento importante è stata la presenza al nostro Palasport Alessia Berruti della mostra fotografica Volti d’Oriente con le preziose immagini del fotografo Pietro Alberelli, così come l’aver messo a disposizione di tutti un quaderno dedicato a ringraziamenti e commenti sull’evento.

 

-          Bello anche il tavolo delle iscrizioni e la Kamiza, con la foto della cara Maestra Mimma Turco, recentemente scomparsa, e adornata con frutti autunnali come mele e castagne per evitare i soliti fiori che vengono poi tristemente buttati.

 

-          Bello, per l’organizzazione anche, lasciatecelo passare, del quarto tempo, ovvero quello in cui Maestri, allievi, parenti e amici hanno unito le forze per allestire e, montare e smontare, il Palasport e soprattutto i 4 tatami:

 

-          Bello l’entusiasmo dei fotografi che hanno lavorato con passione ed impegno e dalle cui prime immagini ricevute si comincia a vedere il grande lavoro svolto.

 

-          Per ultima, ma prima in ordine di importanza, bella la voglia nata da questo evento di crearne subito altri: Il Keiko d’Autunno è sicuramente stato un primo passo verso un qualcosa di nuovo per il mondo dell’Aikido, qualcosa di importante, come importante è il tempo del cambiamento, qualcosa di innovativo. Tra i Maestri del gruppo, nato ai tempi del Kinensai di Torino 2018, è già scaturita con gli organizzatori del Keiko d’Autunno, la voglia di fare altro. Già al termine della prima giornata si scambiavano opinioni ed immaginavano nuovi ipotetici eventi da realizzare. Siamo fieri di poter dire che il Keiko d’Autunno potrebbe essere il nostro Kairós, cioè quel particolare momento che si distingue fra gli altri ed in cui accade qualcosa che cambierà lo stato delle cose e il corso degli eventi, da lì in poi. È quel momento in cui si apre una nuova possibilità, una opportunità, che dovremmo riuscire a riconoscere e trovare la forza ed il coraggio di cogliere e di fare crescere.

 

Concludendo con questo che a noi sembra un grande augurio di miglioramento e di nuova crescita per il mondo dell’Aikido, gli organizzatori del Keiko d’Autunno, ringraziano ogni allievo, Maestro, accompagnatore, persona che abbia reso possibile, collaborato, lavorato e partecipato in qualunque modo a questo evento, e soprattutto ogni bambino che vi abbia preso parte!

 

Copyright © 2007 - 2019.
Polisportiva del Finale ASD - Tel/Fax 019.4508237 - C.F./P.IVA 00954260097